Proteggi il tuo smartphone Android con la crittografia

Proteggi il tuo smartphone Android con la crittografia

Se hai a disposizione un dispositivo Android relativamente recente, è probabile che supporti una funzione di sicurezza chiamata crittografia dei dati. Cosa significa e a cosa serve?

Poniamo il caso, malaugurato, che tu perda il telefono o che ti venga rubato. Lo so, non vuoi pensarci, è capitato anche a me. Se il ladro è abbastanza esperto, potrebbe facilmente accedere ai tuoi dati anche senza sbloccarlo o superare eventuali PIN e impronte digitali, perché sono salvati sulla memoria, o sulla schedina esterna, senza essere protetti.
La crittografia dei dati li rende invece illeggibili e quindi aggiunge un ulteriore livello di sicurezza e protezione. Può sembrare un’operazione complessa, ma invece è così semplice e in genere del tutto indolore, tanto che mi sento di consigliarla a chiunque abbia un dispositivo non troppo datato.

IMPORTANTE: il telefono dev’essere carico, altrimenti la procedura non può essere avviata per motivi di sicurezza (nel caso il telefono dovesse improvvisamente spegnersi, perderesti tutti i dati!). Caricalo almeno al 70-80% quindi prima di cominciare.

Purtroppo, data la variabilità dell’ecosistema Android, la procedura non è sempre la stessa: in generale dovrai andare nelle Impostazioni del telefono, sotto Sicurezza, oppure Memoria, o infine Schermata di blocco.
Lì troverai una voce Crittografia e il comando Cripta telefono o qualcosa di simile.

Seleziona quel comando e segui le istruzioni, che variano a seconda del modello. Generalmente ti verrà chiesto di attivare la schermata di blocco (con PIN o impronte digitali), se non la stai già usando, e in alcuni casi di impostare una password (che può essere richiesta al riavvio). Se ti viene presentata l’opzione di crittografare anche la scheda SD (cioè la schedina di memoria esterna), selezionala.
Completata questa prima parte preparatoria, il telefono sarà riavviato e verrà avviata la procedura vera e propria, che è del tutto automatica.

Dopo un tempo variabile che di solito è di qualche minuto (ma potrebbe anche essere di più: nel caso non spaventarti!) il telefono si riattiverà, e sarà di nuovo pronto per essere usato normalmente.
Non dovrai cambiare le tue abitudini d’uso: tutto funzionerà come prima, ma i tuoi dati saranno un po’ più protetti.



Desideri un aiuto per completare la crittografia del tuo telefono, o hai un problema da risolvere?

PRENOTA UN INCONTRO GRATUITO

 

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il Portiere Digitale è un'idea di ReAgire a.p.s. e Daniele Savi - http://sonodaniele.it - Partita IVA: 10211100960

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: