Otto idee per vivere più tranquilli con la tecnologia

Otto idee per vivere più tranquilli con la tecnologia

In preparazione dell’evento di lancio del Portiere Digitale, che avverrà verso fine febbraio o inizio marzo, sto organizzando una serie di spunti sulla sicurezza informatica for the rest of us. Non preoccupatevi se sono concetti all’apparenza complessi: molti di essi richiedono più di poche righe per essere trattati, e nel prossimo futuro saranno oggetto di una serie di guide più approfondite. Volevo però iniziare a condividerli con i primi compagni di viaggio in questo decalogo di otto elementi (parafrasando il mitico Douglas Adams  😀 ), da leggere come una sorta di checklist: se non siete al corrente della maggior parte di questi punti, potreste essere esposti a rischi. Niente panico! 🙂 

  • Usate password sicure. È un evergreen, ma nonostante sia stato ripetuto migliaia di volte continuo a vedere chiavi di accesso troppo semplici, come combinazioni di nome della mia ragazza più data di nascita e cose del genere. Una buona password contiene caratteri alfanumerici e simbolici casuali: almeno 8, ma meglio 12 o 16. Oppure lunghe sequenze di parole scelte a caso. Non dovete mai usare la stessa password su due siti diversi: non preoccupatevi, non serve avere una memoria di elefante, basta usare un qualsiasi programma che archivia le password in modo sicuro (Enpass, Lastpass, Keepass alcuni tra i nomi più noti).
  • Fate backup. Ogni volta che incontro qualcuno che non ha una copia dei propri dati, non dormo io la notte per lui. Davvero! 😀 Molti non lo fanno per nulla e pochi nella maniera corretta: almeno due volte (di cui una, possibilmente, archiviata in remoto – in cloud o comunque lontano dal proprio computer) e utilizzando software che effettuano la cifratura dei dati copiati. Vi spiegherò perché quando approfondirò l’argomento, nel frattempo vi consiglio il programma Duplicati, che fa il backup sia su un disco locale che utilizzando un qualsiasi cloud tipo Dropbox, Onedrive, etc…
  • Proteggete i vostri dati. Non solo backup. Soprattutto se caricate file su servizi in cloud, è bene che non siano facilmente visibili, nel caso un malintenzionato dovesse ottenere accesso al vostro account. Chiedetelo alle attrici di Hollywood. Anche in questo caso, la cifratura dei file viene in vostro soccorso, ed esistono soluzioni alla portata di tutti come BoxCryptor o Cryptomator, o un po’ più complesse come Veracrypt.
  • Attenzione al malware. Non solo classici virus che cancellano l’hard disk o vi chiedono un riscatto per i vostri dati (ransomware). C’è una svariata gamma di teppistelli, come i programmi malevoli che riempiono il vostro browser di pubblicità, o i più recenti cryptominer, ovvero piccole applicazioni installate senza che ve ne accorgiate e che arruolano la vostra macchina in una rete di lavoro forzato per, semplificando molto, generare moneta virtuale che non finirà mai nelle vostre tasche. Ehi, come mai il mio pc è così lento oggi? 😀 Utilizzare un antivirus completo, e effettuare scansioni periodiche anche con strumenti specializzati è meglio che doversi curare.
  • Proteggete la vostra connessione. In particolare se vi collegate a reti wifi pubbliche, che potrebbero essere gestite o filtrate da persone interessate a dare un’occhiata al vostro vissuto online. 😳 In questo caso è utile dotarsi di un software chiamato VPN (Virtual Private Network, rete privata virtuale), che in poche parole rende invisibile la vostra navigazione a malintenzionati o al vostro provider, anche se i siti che visitate non sono protetti da una connessione sicura (il famoso lucchetto vicino all’indirizzo).
  • Proteggetevi dai furti di identità. Sembra fantascienza, ma in realtà è un crimine molto comune. Un giorno vi chiama una banca per dirvi che avete il conto scoperto. Solo che non ricordate di avere un conto in quella banca! 🙄 Oppure cercate di aprire una linea di credito, ma scoprite di avere diverse segnalazioni per insolvenza. 😯 Qualcuno ha ottenuto abbastanza dettagli su di voi per clonare la vostra identità. Minimizzate i rischi: pubblicate online solo i dati strettamente necessari. Rendete privati i vostri social network, le foto su Facebook, l’elenco degli amici. Non rispondete alle mail che vi chiedono di inserire password o altri dati sensibili. Non inviate mai una copia del vostro documento via email. In generale, rendete difficile la vita ai ladri di identità.  😎
  • Utilizzate un software anti-pubblicità e anti-tracciamento. Detto così sembra complicato, vero? In realtà, è semplicissimo: ogni volta che visitate un sito, o fate una ricerca, algoritmi specializzati si occupano di sapere tutto di voi. In generale lo fanno per offrirvi pubblicità personalizzate, quella magia per cui se avete appena cercato “Parigi” su Google, ogni agenzia di viaggio online inizierà a proporvi annunci su voli e hotel per soggiornare nella Ville Lumière. A volte, però, l’intento è più malevolo, e ricade in altre indagini statistiche o nei furti di identità. Qualsiasi sia il motivo, comunque, è bene proteggersi: basta installare una semplice estensione gratuita del browser (Adblock, Ghostery, …) oppure, volendo investire qualcosa, acquistare software completi che proteggono in maniera più approfondita, come Adguard.
  • Ricordatevi che la sicurezza completa non esiste. L’unico PC veramente sicuro, è un PC rotto. Anche in questo caso, in realtà, non è proprio esatto. Usate sempre il buon senso e seguite la massima: se è troppo bello per essere vero, non è vero. Come nel caso di quella ragazza tutte curve (o fustacchione) che vi contatta su Facebook impaziente di fare sesso in webcam proprio con voi…  😉

Ti piacerebbe seguire questi consigli, ma non sai come fare? Ti aiuto io!

ABBONATI ORA

oppure

PRENOTA UN INCONTRO INFORMATIVO

 

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il Portiere Digitale è un'idea di ReAgire a.p.s. e Daniele Savi - http://sonodaniele.it - Partita IVA: 10211100960

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: